Schede Beatitudini (dal supplemento 2016 di Gentes)

Comment

Gentes Gentes 2016 Le nostre riviste

Schede Beatitudini come strumento formativo nel corso dei campi estivi 2016

Schede Beatitudini | Copertina Gentes supplemento 2016I testi che compongono queste Schede Beatitudini a cui questo supplemento di Gentes 1-2016 è dedicato, non hanno particolari pretese esegetiche. Vogliono piuttosto rilanciare testimonianze di autori che le hanno insegnate con la loro vita, prima che con le loro paro- le. Cristiani di varie confessioni, un po’ di ogni epoca, ma soprattutto del nostro tempo de- finito post-cristiano e post moderno, almeno per il contesto occidentale che fatica a ritrovarsi nelle espressioni tradizionali della Fede.

Come sono concepite le varie Schede sulle Beatitudini

Attraverso la voce di testimoni, vogliamo offrire spunti per comprendere e vivere l’eterno messaggio di Gesù che è venuto perché abbiamo la vita e l’abbiamo in abbondanza (Gv. 10,10).
 Le Beatitudini, annuncio potente di felicità piena e duratura, vengono davvero prima del credo che recitiamo nelle Messe domenicali, attraverso cui solennemente affermiamo la Divinità del Signore senza spesso capirne il significato.

La lettura delle Schede Beatitudini

Le Beatitudini sono la chiave di volta per coniugare cielo e terra, spirito e carne, ragione e volontà, legge e bene comune. 
A leggerle singolarmente e a meditarle comunitariamente appariranno nella duplice forza di annuncio di redenzione e di compito di salvezza per tutta l’umanità.
 Le schede sono state pensate innanzitutto per animare gli avvii di giornata nei campi missionari, nelle attività di servizio e nei momenti di riflessione/valutazione che seguono a forti esperienze di condivisione con i poveri, gli emarginati, i migranti e i crocifissi della nostra storia contemporanea.

Schede Beatitudini per lasciarsi guidare…

L’invito sarà quello di riconoscere, innanzitutto, le nostre povertà individuali, a chiamare per nome le nostre croci, a lasciare che la luce evangelica le illumini così da rendere più autentico ogni tentativo di avvicinare chi istintivamente possiamo ritenere viva delle condizioni più pesanti delle nostre. In realtà siamo tutti portatori di qualche handicap (fossero anche solo i mille complessi che la società dei consumi ci ha indotto), tutti abbiamo bisogno di riconoscere e farci guidare dalla fame e sete per la giustizia, di gustare lo stabilirsi di relazioni pure, di vivere il perdono ricevuto e donato, di gioire per aver reso felice qualcuno.

VISUALIZZA ONLINE O SCARICA COME PDF QUESTO NUMERO

Madre Teresa, donna delle beatitudini, la cui santità sarà ufficialmente riconosciuta ai primi di settembre, ci sia di esempio e interceda per noi.
Massimo Nevola S.I.

  • Ci è doveroso ringraziare don Bartolomeo Puca e il dott. Salvatore Caso per il prezioso lavoro di collaborazione nelle presentazioni dei testi selezionati e per la revisione generale del presente lavoro: lo Spirito delle Beatitudini li accompagni per sempre.
(Visited 505 times, 2 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *