• Percorsi formativi Percorsi formativi Lms

    Messaggio della parabola del figliol prodigo

    Il terzo momento della drammatizzazione della parabola del figliol prodigo, il messaggio evangelico

    III. Esplicitazione sintetica del messaggio della parabola del figliol prodigo

    CONCLUSIONE

    Il messaggio della parabola del figliol prodigo

    Si chiederà ai partecipanti quale e dove sia la fine del racconto: ce l’ha o no una fine questa storia? Il padre ce la farà a riconciliare i figli? Per rispondere occorrerà andare al perché della narrazione di Gesù: cosa spinse Gesù a narrare questa vicenda così “familiare” eppure così strana? Si inviterà a leggere i versetti 1-7 del capitolo 15 del Vangelo secondo Luca, dove troviamo il contesto storico della narrazione. Qui i partecipanti scopriranno che i due figli sono emblematici di due categorie di interlocutori di Gesù: i peccatori da una parte e i perfetti della Legge dall’altra.

    Continue reading

    Published by:
  • Percorsi formativi Percorsi formativi Lms

    Lettura ed interpretazione della parabola del figliol prodigo

    Il secondo momento della drammatizzazione della parabola del figliol prodigo

    II. Lettura ed interpretazione della parabola del figliol prodigo

    A) INTRODUZIONE ALLA DRAMMATIZZAZIONE

    1) Si legge insieme il brano evangelico. Si può scegliere tra due modi: a) far leggere una persona per tutte l’intero brano, ad alta voce; b) far leggere a ciascuno, in successione, una pericope del brano, sempre ad alta voce.

    Continue reading

    Published by:
  • Percorsi formativi

    Il figliol prodigo, il significato della buona notizia

    Il primo momento della drammatizzazione della parabola del figliol prodigo, la buona notizia

    I. Introduzione sul significato della buona notizia e della bella notizia

    FINALITÀ

    Due finalità: un’assoluta e una relativa. Quell’assoluta: il primo momento ha lo scopo di “svegliare” le coscienze alla consapevolezza del senso dell’unicità del Vangelo, quale possibilità donata agli uomini di trovare la felicità autentica della “vita eterna” nell’accoglienza della Parola di Dio. Ascoltare il Vangelo è ricevere “la” notizia dell’amore sconfinato e assoluto di Dio per me: notizia che mi sconvolge e mi cambia radicalmente la vita, aprendola ad orizzonti di senso e di pienezza mai sperimentati. Quella relativa: “iniziare” i partecipanti alla drammatizzazione, dando loro un tema semplice da svolgere attraverso la recitazione. Questo consentirà di “scaldare” l’ambiente, provando le capacità – per molti sconosciute – di indossare i panni di un personaggio. Così l’imbarazzo è tolto.

    Continue reading

    Published by:
  • Percorsi formativi Percorsi formativi Lms

    Figliol prodigo: il padre misericordioso e i due figli

    Drammatizzazione della parabola del figliol prodigo
    (Vangelo secondo Luca 15, 11-31)

    figliol prodigo | cvxlms.itL’obiettivo immediato della drammatizzazione della parabola del figliol prodigo è coinvolgere nell’esperienza attuale delle verità antropologiche e teologiche annunciate nella storia narrata da Gesù. Con la drammatizzazione della parabola del figliol prodigo si vuole rendere possibile, attraverso il coinvolgimento psico-emotivo, un’autentica riflessione personale e collettiva sulle verità suddette, insieme ad un tempo esistenziale, morale e spirituale. La riflessione della parabola del figliol prodigo, infine, abiliterebbe al discernimento evangelico nel hic et nunc (qui ed ora) del vissuto quotidiano. In ciò si realizza la pedagogia ignaziana che vede nell’esperienza, anche per mezzo dell’immaginazione (come può essere l’esercizio della drammatizzazione) la prima tappa di un cammino volto al raggiungimento di una risposta qualificata e concreta alle domande che un cristiano riceve all’incontro della vita e delle istanze evangeliche.

    Continue reading

    Published by:
  • Gentes Gentes 2008 Le nostre riviste

    Emergenza alimentare (da Gentes, 06/2008)

    emergenza alimentare | cvxlms.itEmergenza alimentare: il cibo proibito

    “Abbiamo cibo sufficiente per sfamare tutti gli abitanti di questo pianeta”, ha affermato di recente il direttore del Programma Ambientale dell’Onu, Achim Steiner. Eppure ancora oggi nel mondo milioni di persone ogni anno muoiono di fame o si ammalano a causa della malnutrizione. Come è possibile? Con il recente aggravarsi dell’emergenza alimentare prodotto a livello planetario dal convergere di una serie di fattori negativi episodici o di lungo periodo – crescita della popolazione e cambiamento della dieta in Paesi in forte espansione come Cina e India, disastri naturali e conseguente crollo della produzione cerearicola in alcuni dei maggiori Paesi esportatori, impiego di terreni agricoli per la coltivazione di etanolo per biocarburanti – il tragico fenomeno ha assunto dimensioni drammatiche, inducendo il World Food Programme a parlare di “tsunami silenzioso” e a lanciare un accorato appello ai Paesi donatori per evitare che altri 100 milioni di persone, oltre i circa 850 milioni già a rischio, precipitino nell’indigenza e nella fame.

    Continue reading

    Published by:
  • Gentes Gentes 2008 Le nostre riviste

    Finanza solidale (da Gentes, 05/2008)

    finanza solidale | cvxlms.itLa sfida della finanza solidale

    Il “teorema” della distorsione nella scala delle priorità
Il principale obiettivo degli intermediari finanziari e degli istituti bancari è oggi quello della creazione di valore per gli azionisti. La coincidenza tra questa scelta e il benessere della collettività viene data per scontata, ma in realtà si fonda sulla validità di almeno uno dei seguenti due assunti difficilmente dimostrabili. Il primo è quello della separazione tra il perseguimento di questo obiettivo e la realizzazione di quelli di portata più ampia per il benessere sociale (in ordine di importanza progressiva valore aggiunto,
sviluppo umano, aumento delle capabilities e functionalities, felicità socialmente ed economicamente sostenibile).

    Continue reading

    Published by:
  • News Percorsi formativi Principi generali

    Presentazione della Cvx a La Civiltà Cattolica

    Riportiamo di seguito l’intervento della presentazione della Cvx di Antonio Salvio durante l’incontro a La Civiltà Cattolica.

    Presentazione della Cvx e della Lms

    La fertilità dell’azione politica in Italia e in Europa: le sfide globali e locali

    La Civiltà Cattolica – Roma 14 Marzo 2015

    È questa per me un’occasione privilegiata per far conoscere, al di fuori del mondo ignaziano, cos’è la Comunità di Vita Cristiana (Cvx) e la sua sezione missionaria, la Lega Missionaria Studenti (Lms).

    Nel mio intervento farò spesso riferimento ai Principi Generali (PG) della Cvx, approvati dalla Santa Sede con Decreto del Pontificio Consiglio per i Laici il 3 Dicembre 1990, che sono quindi la Magna Carta della nostra Comunità mondiale.

    La Comunità di Vita Cristiana (Cvx-Clc) è un’associazione pubblica internazionale il cui centro esecutivo è attualmente a Roma. Essa è la continuazione delle Congregazioni Mariane a cui diede avvio Jean Leunis s.j. e che furono approvare ufficialmente per la prima volta dalla bolla “Omnipotentis Dei” di papa Gregorio XIII il 5 dicembre del 1584. (PG 3)

    “La nostra vocazione Cvx è in maniera precisa una vocazione Ignaziana laicale, un modo specifico di testimoniare la nostra chiamata battesimale. Siamo infatti chiamati ad articolare e vivere questa vocazione con sempre maggiore profondità ed autenticità, per fondare la nostra testimonianza di una fede che promuova la giustizia in un mondo che grida e piange sotto il peso di strutture ingiuste” (dal documento finale della XVI Assemblea Mondiale della Comunità di Vita Cristiana – Libano 2013).

    Essa è, quindi, una Comunità Mondiale che si articola attraverso Comunità nazionali e locali, liberamente scelte. In Italia le nostre Comunità sono presenti in quasi tutte le Regioni.

    … si compone di cristiani, uomini e donne, adulti e giovani, di qualsiasi condizione sociale, che vogliono seguire più da vicino Gesù Cristo e lavorare con Lui alla costruzione del Regno e che hanno riconosciuto la Comunità di Vita Cristiana come propria specifica vocazione all’interno della Chiesa. (PG 4)

    Nel 2013, a Roma, sono stati celebrati i 450 anni dalla fondazione delle Congregazioni Mariane, oggi Cvx Lms, e nella prefazione al programma si legge:

    “Da quattro secoli e mezzo le Congregazioni Mariane con le loro sezioni missionarie, poi divenute Comunità di Vita Cristiana-Lega Missionaria Studenti, sono una casa e scuola di formazione per laici credenti, la cui vocazione è quella di incarnarsi nel mondo e nella storia per essere testimoni credibili ed operatori competenti, ispirati da un patrimonio spirituale che, attraverso la pratica degli Esercizi e della condivisione, affina la capacità di discernimento ed allena alla contemplazione nell’azione per cercare e trovare Dio in tutte le realtà della vita terrena”. (Prefazione al programma delle celebrazioni per i 450 anni dalla fondazione delle Congregazioni Mariane, poi CVX/LMS, Roma 2013)

    LA NOSTRA VITA

    La nostra vita è essenzialmente apostolica. L’ambito della missione CVX non conosce limiti: si estende sia alla Chiesa che al mondo per portare il Vangelo di salvezza a tutti gli uomini e per servire i singoli e la società aprendo i cuori alla conversione e lottando per cambiare le strutture oppressive. E ancora: La Comunità ci spinge a proclamare la Parola di Dio ed a lavorare per la riforma delle strutture della società, partecipando agli sforzi per liberare coloro che sono vittime di ogni sorta di discriminazione e specialmente per abolire le differenze tra ricchi e poveri. (PG 8)

    IL NOSTRO IMPEGNO

    Attualmente la Cvx e la sua Sezione missionaria sono impegnate in diversi Campi di azione, sia in Italia che all’estero. All’estero siamo presenti:

    in Romania dal 2000, quando Padre Massimo Nevola sj e padre Vitangelo Denora sj, scesi nelle fogne di Sighet, trovano dei bambini che vivono in condizioni di miseria e malattia. Da allora nasce una realtà, gestita dal Progetto Quadrifoglio Onlus, che prevede il mantenimento di tre case famiglia dove circa 30 bambini, al principio affidati alla strada, crescono circondati dall’affetto e dalle cure di famiglie del posto;

    in Perù, dove dal 2001 una Onlus, la Compagnia del Perù, è impegnata nella realtà peruviana di Trujillo, nel nord del Paese, dove si occupa del mantenimento del CAEF: Centro de Atenciòn y Educaciòn a la Familia, che opera a Campiña de Moche presso Trujillo. Questo centro si pone come obiettivo quello di accogliere in un ambiente protetto bambini vittime di violenza fisica, psicologica, sessuale;

    in Kenia, a Nairobi, con il sostegno a due Scuole, gestite da una congregazione di suore africane, le Evangelizing Sisters of Mary, grazie alla Ass. GiacomoGiacomo Onlus di Roma, nata per iniziativa di alcuni membri della Cvx Cap. 15 di Roma;

    a Cuba con una missione in campo pastorale. Fino al 2009 il campo si è svolto nella cittadina di Cardenas e, da allora, la Lega Missionaria Studenti ha aperto le porte alla povertà della capitale, l’Havana.

    Siamo promotori, con la Cvx Europea, del progetto “Migranti”, che sta per partire a breve, per l’accoglienza ed il sostegno degli immigrati dal Nord-Africa. Progetto che prevede il coinvolgimento in Sicilia, a Ragusa, di giovani provenienti dalle Cvx di tutta Europa.
    Numerose sono anche le iniziative in campo sociale in Italia.

    Sosteniamo progetti finalizzati all’inserimento degli immigrati, dei senza fissa dimora, degli emarginati: cito solo – tra i tanti – la Fabbrica dei Sogni a Bergamo, La casa del Sorriso a Napoli, i Centro Astalli di Roma (di cui siamo stati tra i promotori), quello di Palermo, di Grumo Nevano, di Trento; il Progetto Jonathan per l’accompagnamento e il sostegno scolastico integrativo di minori a rischio, sia napoletani che della comunità srilankese, presente a Napoli (Cvx Gesù Nuovo di Napoli) e tante altre iniziative che sarebbe troppo lungo citare.

    Aderiamo al Jesuit Social Network – Jsn Italia – Federazione Nazionale delle Opere della Compagnia di Gesù, impegnate nell’apostolato sociale.

    Molto forte è l’impegno per la legalità in territori particolarmente difficili per la presenza di Organizzazioni criminali quali Mafia, Camorra e ‘Ndrangheta. In Campania, Calabria e Sicilia le testimonianze dei Singoli e delle Comunità locali per la Giustizia danno il senso dell’appartenenza al Corpo apostolico laicale ignaziano, come ribadito dall’ultima Assemblea mondiale Cvx, già citata. Tra le tante mi piace ricordare il Centro Culturale del Gesù Nuovo di Napoli, impegnato sul fronte della Legalità e della Sanità a Napoli, e la partecipazione di alcuni membri della Cvx al Movimento “Reggio NON Tace” a Reggio Calabria.

    Notevole impegno di testimonianza la Cvx Italia ha avuto, e continua ad avere, nel proporre nuovi modelli sostenibili in campo economico e finanziario, aderendo a reti quali Next e Comitato 005, sollecitando il Governo nazionale e i Governi della Comunità Europea ad assumere, su queste tematiche, provvedimenti che vadano nella direzione di tutelare gli ultimi ed i più poveri. E Leonardo Becchetti, past-president Cvx e relatore questa sera, ne è uno dei promotori.

    È ovvio che l’impegno della Cvx non si limita solo al campo socio-politico ed economico-finanziario, poiché

    “…ci sforziamo di divenire cristiani impegnati nel testimoniare, nella Chiesa e nella società, quei valori umani ed evangelici che riguardano la dignità della persona, il bene della famiglia e l’integrità della creazione. Siamo particolarmente consapevoli del bisogno pressante di lavorare per la giustizia, attraverso un’opzione preferenziale per i poveri e uno stile di vita semplice che manifesti la nostra libertà e la nostra solidarietà con loro. Per preparare più efficacemente i nostri membri alla testimonianza apostolica ed al servizio, specialmente nell’ambiente quotidiano, la nostra Comunità riunisce chi avverte più urgente l’esigenza di integrare la propria vita umana, in tutte le sue dimensioni, con la pienezza della fede cristiana, secondo il nostro carisma. In risposta alla chiamata di Cristo noi cerchiamo questa unità di vita in mezzo al mondo in cui viviamo.” (PG4).

    LA NOSTRA PROPOSTA IN CAMPO SOCIOPOLITICO

    Avendo ripreso nel nostro Convegno nazionale di Assisi, nel 2014, le quattro frontiere, indicate dalla Assemblea mondiale Cvx in Libano nel 2013, e cioè Ecologia, Globalizzazione e povertà, Famiglia e Giovani, su cui abbiamo impegnato la Comunità nazionale per i prossimi anni, quest’incontro si pone nell’ottica di un approfondimento reale su come aiutare i giovani e gli adulti delle nostre Comunità ad avvertire la necessità di un impegno sempre più profondo in campo sociale e politico, “per progettare un nuovo percorso di formazione”, nell’ottica del Magis ignaziano.

    Ci sentiamo, quindi, fortemente coinvolti, come Comunità nazionale, su questo fronte, alla luce dei tragici avvenimenti che stiamo vivendo in questo tempo, tempo di sofferenza e di dolore, ma anche tempo di discernimento, se sappiamo vedere negli eventi che accadono il senso più profondo, per fare scelte consapevoli e non dettate dal contingente e dalla pura emotività.

    Il laboratorio di Formazione socio-politica, che anche quest’anno proponiamo a Calascio (AQ), organizzato dalla Cvx Lms, ma aperto a tutti, di cui altri fra poco parleranno, è una delle risposte che riteniamo utili per una presa di coscienza e un approfondimento, atti a contribuire alla formazione di una solida formazione e di un serio impegno in questo campo.

    Antonio Salvio
    Presidente nazionale Cvx Lms Italia

    Published by:
  • Eventi Laboratorio di formazione politica News Percorsi formativi

    Laboratorio di FormAzione politica di Calascio

    Laboratorio di FormAzione politica a Calascio (AQ), dal 2 al 5 luglio 2015

    laboratorio di formazione politica | cvxlms.it

    La Cvx Lms organizza dal 2013 un laboratorio di formazione politica rivolto alle persone interessate a essere parte attiva della società. Partendo da un’analisi critica delle nostre realtà locali e delle sfide globali, il laboratorio di formazione politica vuole essere il contenitore di idee, riflessioni e proposte di cambiamento.

    Continue reading

    Published by:
  • Gentes Gentes 2008 Le nostre riviste

    Penisola balcanica (da Gentes, 04/2008)

    penisola balcanica | cvxlms.itLa crisi del sistema jugoslavo e l’ascesa dei partiti nazionalisti nella penisola balcanica: i perchè di una guerra

    Quando si parla di Bosnia Herzegovina o della cosiddetta “questione Balcanica” a tutti viene in mente qualche film di Emir Kusturica o di qualche immagine del Viale dei cecchini trasmessa da qualche TG pro tempore, ma a pochi viene da chiedersi del perché di tanta assurda violenza. Dove sono le radici di quel massacro? Dove risiedono le ragioni di tanta disumanità? Perché durante la “presidenza” di Tito la Jugoslavia era un modello di pacifica convivenza fra popoli di diverse culture e dopo la sua morte è diventato l’inferno di cui noi tutti abbiamo sentito parlare?

    Continue reading

    Published by: