Progetto Quadrifoglio, le case-famiglia di Sighet

Comment

Il Quadrifoglio

Il Progetto Quadrifoglio: dai campi di volontariato a tre case-famiglia

Il Progetto Quadrifoglio nasce nell’estate del 2001 a Sighet, città della Transilvania, per rispondere a due gravi emergenze che presenta oggi la Romania: i bambini orfani o abbandonati, che spesso “vivono” precariamente per strada, e la prostituzione minorile.

L’iniziativa non parte da una riflessione “a tavolino”, ma è frutto di numerosi viaggi e campi missionari vissuti negli anni dalla Lms, nei quali, amaramente, si è constatato il progressivo e continuo degrado delle condizioni sociali a Sighet.progetto quadrifoglio | cvxlms.it

Del progetto, sostenuto dall’omonima associazione italo-rumena Il Quadrifoglio, fanno parte soci appartenenti a diverse realtà italiane e rumene: la fondazione Magis (Ong dei gesuiti), il Cenag (Lms, Cvx e Meg), la comunità latino-cattolica di Sighet, l’associazione Aiutaci a Vivere Onlus e l’associazione Progetto Quadrifoglio Onlus.

Le case-famiglia del Progetto Quadrifoglio

Le case-famiglia del Progetto Quadrifoglio accolgono minori in difficoltà in una casa che sappia loro offrire il calore di una famiglia. Principali obiettivi del Progetto Quadrifoglio sono il recupero, la crescita, l’educazione e la formazione dei bambini meno abbienti, al fine di reinserirli nel mondo sociale e lavorativo rumeno ed europeo, mediante l’apertura di strutture di accoglienza. Le case-famiglia vogliono creare un vero ambiente familiare, con un papà e una mamma che costantemente vivono con i bambini, coadiuvati da un’equipe di psicologi, educatori e assistenti sociali.

La prima casa-famiglia è stata aperta nel settembre 2002 ed attualmente accoglie 7 bambini dai 5 ai 18 anni. I risultati raggiunti e l’incessante richiesta di aiuto ci hanno convinti ad aprire una seconda casa-famiglia, operativa dall’ottobre 2003, ove sono attualmente ospitati altri nove bambini con gravi difficoltà nelle famiglie originarie. Dal 2007 è attiva la terza casa famiglia, che attualmente ospita dieci bambini. Ovviamente, oltre l’offerta di casa e di famiglia ai bambini, l’intervento promuove anche occupazione lavorativa locale. Dal 2014, con la collaborazione della Onlus 1,2,3…Vitor, il Progetto Quadrifoglio gestisce due attività lavorative (un negozio di vestiti di seconda mano ed una macelleria), al fine di avviare un percorso lavorativo e di indipendenza dei ragazzi delle case-famiglia.

Un grazie sincero ai sostenitori

L’acquisto delle strutture e il budget necessario per la gestione delle case-famiglia sono stati e sono possibili, ad oggi, grazie ai finanziamenti che giungono da offerte di amici e benefattori e dall’intervento dei soci dell’associazione. Per mantenere un costante e necessario flusso finanziario è allo studio la richiesta di sovvenzioni all’Unione Europea per la formazione di un’equipe educativa. Da qualche anno, infatti, è stata avviata con successo un’importante attività di formazione psico-pedagogica per operatori sul territorio di Sighet, aperto quindi non solo ai collaboratori nelle nostre case-famiglia. Il corso, di due settimane, autofinanziato, è stato svolto in concerto con le istituzioni pubbliche e scolastiche locali. Inoltre, le strutture lavorative avviate nel 2014 intendono avviare un processo

I ventisei bambini attualmente ospitati dalle tre strutture manifestano chiaramente una condizione psico-fisica di molto migliorata rispetto al loro ingresso nelle case. Questo fa pensare che il lavoro fin qui svolto, il progetto formativo, la scelta delle famiglie e di personale preparato stia maturando i suoi frutti. I semi gettati nel 2001 con la costituzione dell’associazione Il Quadrifoglio e l’acquisto della prima casa famiglia sono caduti su terreno fertile.

LEGGI IL TESTO INTEGRALE DEL PROGETTO QUADRIFOGLIO E GUARDA IL VIDEO RIASSUNTIVO

Partecipa al Progetto Quadrifoglio

  • Volontariato estivo: campi di solidarietà di due settimane con lo scopo di portare aiuto e condividere esperienze e realtà di vita con il popolo rumeno
  • Volontariato stabile: un sostegno più impegnativo e qualificato per la permanenza continua di minimo tre mesi (contattaci)
  • Sostegno a distanza: la possibilità di sostenere un bambino delle case-famiglia Il Quadrifoglio con una quota minima di € 30 mensili.

Contattaci

RESPONSABILI DEL PROGETTO QUADRIFOGLIO
p. Massimo Nevola S.J. e p. Vitangelo Denora S.J.

Via M. Massimo, 7 – 00144 Roma
Tel. e fax. 065910803
e-mail: gentes.lms [at] gesuiti.it

(Visited 429 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *